LIFE TIB
   
   
20 dicembre 2015 - FORMAZIONE

Il TIB PER L'ORDINE DEI DOTTORI AGRONOMI E FORESTALI

A dicembre realizzati tre incontri a Brescia rivolti i dottori agronomi e forestali e i tecnici comunali

SoldariniIl 10 e il 16 dicembre si sono svolte presso la sede STER di Brescia le due lezioni del Modulo Formativo organizzato con la collaborazione dell’Ordine Dottori Agronomi e Dottori Forestali della Lombardia. Nel corso delle lezioni sono stati affrontate differenti tematiche partendo dalla macro scala dei cambiamenti climatici e della teoria delle Reti Ecologiche, passando per la pianificazione locale e le fonti di finanziamento, per giungere all’esempio concreto del progetto LIFE TIB. A queste giornate è stata affiancata il 22 dicembre una mattinata di formazione rivolta ai tecnici comunali sui presupposti per la costruzione della rete ecologica comunale e come Valutare la sua coerenza ed efficacia in termini pianificatori. Tutte le presentazioni sono scaricabili nelle sezione Download.

17 dicembre 2015 - RETI ECOLOGICHE

LA VALENZA DELLE LE RETI ECOLOGICHE

L’Istrice risale la penisola: colto in “fototrappola” dall’Universita’ di Pavia un esemplare nel Parco del Ticino.

IstriceDopo l’Arno, ha oltrepassato anche il Po. Continua il viaggio dell’Istrice (Hystrix cristata) lungo la penisola italiana per adattarsi al riscaldamento del clima e trovare nuove aree per vivere e riprodursi. Ne dà notizia oggi la Lipu, grazie alla sequenza video registrata da una “fototrappola” installata da quattro studenti dell’Università di Pavia (Andrea Brambilla, Sebastiano Fusari, Gioele Grandi e Giacomo Piceni) nel territorio di Bereguardo, all’interno del Parco naturale della Valle del Ticino. Impegnati nel corso di Zoologia ed etologia applicata tenuto dal professor Giuseppe Bogliani, gli studenti hanno ripreso il mammifero di notte, con l’infrarosso, attraverso un meccanismo di attivazione automatico che rileva la presenza di oggetti in movimento davanti all’obiettivo. Per maggiori approfondimenti clicca qui.


Istrice, foto Giuseppe Bogliani

01 dicembre 2015 - DIVULGAZIONE

IL CONVEGNO FINALE DEL LIFE TIB IN… TRE MINUTI

Due giorni di confronto e presentazione dei risultati del Life TIB condensati in una breve video clip.

Restituire l’atmosfera delle fasi conclusive del progetto LifeTIB. Questo il compito di Marco Tessaro che ha cercato di cogliere i momenti più interessanti e curiosi degli eventi (di cui si legge nelle altre notizie in questa pagina) che si sono succeduti tra il 19 e il 20 novembre 2015, a Varese. Un modo, crediamo simpatico, per ringraziare tutte le persone intervenute: organizzatori, volontari, relatori, giornalisti e pubblico.

La clip è presenta anche nella video GALLERY


15 novembre 2015 - DIVULGAZIONE

VIVE SOLO CHI SI MUOVE

Il 19 e 20 novembre, si terrà Varese l’evento conclusivo del progetto LifeTIB.

Con un video documentario il 19 novembre, un convegno e un dibattito sul tema comunicazione e ambiente il 20 andrà in scena a Varese l’evento conclusivo del Life Tib
(
Trans Insubria Bionet), il progetto di tutela della biodiversità promosso da Provincia di Varese, Regione Lombardia, Lipu-BirdLife Italia e Fondazione Cariplo, con il sostegno del programma Life dell'Unione europea.

Partito a ottobre 2011, l’obiettivo del Tib, che coinvolge cinquanta Comuni in provincia di Varese, è stato quello di tutelare e, ove possibile, ripristinare il corridoio ecologico che, collegando il Parco Campo dei Fiori al Parco del Ticino, rappresenta un indispensabile anello di congiunzione tra le Alpi, la Pianura Padana e, di conseguenza, gli Appennini e il Mediterraneo. Quattordici sottopassi stradali (dieci nuovi per piccoli mammiferi e anfibi e altri 4 esistenti adattati), 5 passaggi faunistici lungo corsi d’acqua, 8 nuove aree umide e 2 ripristinate, 2.250 interventi in ambito boschivo, oltre alla messa in sicurezza, per gli uccelli, di 500 metri di linea elettrica in un’importante area di passaggio migratorio e la realizzazione di 500 metri di muretti a secco per anfibi e rettili sono le principali azioni realizzate durante i 4 anni di progetto.

Leggi il comunicato stampa

 
02 ottobre 2015 - DIVULGAZIONE

L'INCREDIBILE VITA DEL LEGNO MORTO

Cos’è e perché lasciare il legno morto nei boschi? Una conferenza ve lo spiega

Una serata dedicata ai segreti della vita nel legno morto, degli animali che ne traggono beneficio e quali sono gli interventi che il progetto LifeTIB ha messo in atto per favorirli, si terrà venerdì 2 Ottobre presso il Centro Sociale di Cuirone di Vergiate (VA) alle ore 20.30.
Alla serata interverranno Federica Luoni, Lipu BirdLife Italia, Francesco Radrizzani, dottore forestale che ha coordinato gli interventi per conto di Provincia di Varese e Fulvio Caronni del Parco Regionale Valle del Ticino. Al termine della serata verranno proiettate le clip realizzate da Marco Tessaro realizzate nell’ambito del LifeTIB.
La serata fa parte della manifestazion Funghi e Zucche (scarica la locandina).


23 settembre 2015 - INCONTRI

Il LifeTIB A EXPO 2015

Il progetto TIB presentato all’assessore Regionale e al pubblico nell’ambito del convegno “BIODIVERSITÀ NECESSARIA COME IL PANE”

Martedì 22 Settembre, il Progetto LIFE TIB è stato illustrato da Sara Barbieri e Massimo Soldarini nella prestigiosa cornice di EXPO 2015, presso il Padiglione Pianeta Lombardia al convegno organizzato dal Parco Regionale del Campo dei Fiori, con il sostegno di Regione Lombardia, “BIODIVERSITÀ NECESSARIA COME IL PANE”.
Durante il pomeriggio di lavori i Parchi Regionali Lombardi hanno presentato dei casi emblematici di attività a sostegno della biodiversità ma anche del territorio, moderati da Adriano Martinoli, professore dell’Università degli Studi dell’Insubria. Il programma completo è scaricabile qui.


24 giugno 2015 - INCONTRI

I MONITORAGGI DEL TIB “VOLANO” A PESCARA

I monitoraggi ornitologici del LifeTIB esposti nel corso del XVIII Convegno italiano di Ornitologia

Nei giorni dal 17 settembre a domenica 20 settembre 2015 a Caramanico Terme, in provincia di Pescara, si è svolto il XVIII Convegno italiano di Ornitologia a cui hanno partecipato ornitologi provenienti da tutta Italia e dall’Europa.
Le metodologie e i primi risultati dei monitoraggi dell’avifauna condotti nell’ambito del progetto LifeTIB sono stati presentati in un poster riassuntivo suscitando interesse presso i partecipanti al convegno. I monitoraggi LifeTIB verranno pubblicati all’interno degli atti del convegno.


24 giugno 2015 - AUDITING

L'EUROPA IN VISITA

Funzionari della Commissione europea a Varese per monitorare il progetto LifeTIB

Lo staff del progetto Life TIB dà il benvenuto ai funzionari della Commissione europea in visita sui luoghi del progetto, nei giorni 24 e 25 giugno. Durante la permanenza avranno l’occasione di conoscere lo stato di avanzamento del progetto da un punto di vista tecnico e finanziario, oltre che visitare di persona le opere di deframmentazione e miglioramento ambientale che sono state realizzate grazie anche al contributo comunitario.

 

 


12 maggio 2015 - FORMAZIONE

ARCHITETTI A LEZIONE DI BIODIVERSITA’ E RETI ECOLOGICHE

Un Modulo Formativo per l'Ordine degli Architetti di Varese

Nei mesi di marzo e aprile si è svolto, presso l’Ordine degli Architetti di Varese, il Modulo Formativo previsto dal TIB sui temi della Biodiversità, del consumo di suolo, sull’importanza delle reti ecologiche e di come poterle realizzare.
Le tre lezioni, tenute da docenti universitari e esperti dei diversi settori, hanno visto la partecipazione di 70 iscritti all’ordine, segnando il tutto esaurito dei posti disponibili. Anche i giudizi espressi dai partecipanti sono stati molto positivi, un punto di partenza per possibili collaborazioni future tra l’Ordine, già sostenitore del TIB, e i partner di progetto.
Tutti i PDF delle lezioni sono disponibili alla sezione Download di questo sito.


28 febbraio 2015 - FRUIZIONE

A PIEDI O IN BICICLETTA, ALLA SCOPERTA DEI CORRIDOI ECOLOGICI DEL LifeTIB

Dal 1 marzo al 21 giugno 2015, dieci visite guidate lungo i percorsi degli animali selvatici.

BikersCon l’arrivo della bella stagione ripartono le uscite guidate gratuite lungo il corridoio ecologico tra i parchi Campo dei Fiori e Ticino, alla scoperta delle azioni realizzate grazie al progetto LIFE TIB.
Due cicli di percorsi di una giornata, il primo a piedi altri quattro in bicicletta, per mettersi nei panni di un animale che si sposta lungo i corridoi ecologici. Prenotazione obbligatoria entro il venerdì precedente all’uscita scrivendo a lifetib@provincia.va.it.

Per consultare il PROGRAMMA completo clicca qui




10 Maggio - Percorso TIB 02 in bicicletta da Mornago a Varano Borghi
24 Maggio - Percorso TIB 03 in bicicletta da Mornago a Travedona Monate
07 Giugno - Percorso TIB 04 anello in bicicletta lungo il Lago di Monate e Biandronno
21 Giugno - Percorso TIB 05 anello in bicicletta lungo il Lago di Comabbio e le Paludi di Arsago

10 - 11 dicembre 2014 - NETWORKING

IL LifeTIB A BARCELLONA COME CASO STUDIO

Il progetto Life TIB partecipa come "case study" alla "Third Annual Conference of the European Learning Network for Regions and Biodiversity " a Barcellona (Spagna).

Sara BarbieriQuesta importante iniziativa si propone di mettere in contatto le attività della European Learning Network for Regions and Biodiversity con quelle del Natura 2000 Biogeographical Process; l'obiettivo è quello di riunire i migliori progetti di cooperazione nazionale ed internazionale per uno scambio di esperienze.
I diversi progetti ospiti saranno divulgati come esempi virtuosi, sia nell'ambito del "knowledge market" che presentati durante workshop specifici per argomento (Implementing Natura 2000 in regional planning, Promoting the multiple benefits of Natura 2000, Innovative funding for Natura 2000, Building partnerships for effective Natura 2000 management). Sara Barbieri presenterà il progetto Life TIB come "case study" all'interno del workshop tematico "Implementing Natura 2000 in regional planning", prima di lei interverranno rappresentanti di un progetto greco ed uno inglese che hanno affrontato lo spinoso tema dell'equilibrio tra conservazione di Rete Natura 2000 e pianificazione territoriale. Tale attività rientra nell'ambito del networking internazionale previsto dall'azione E.7 di progetto. Siamo molto orgogliosi di comunicare che il Life TIB sarà l'unico progetto italiano che prenderà parte al prestigioso evento.

Per consultare il programma, clicca qui

2 dicembre 2014 - INCONTRI

FONDI PER LA CONSERVAZIONE: 26 ORGANIZZAZIONI FANNO IL PUNTO

A Milano un importante consultazione internazionale organizzata da European Foundation Centre (EFC) e Fondazione Cariplo nell'ambito della "Global taskforce of local and regional governments for post 2015 development agenda". Life TIB presente!

efcEuropean Foundation Centre e Fondazione Cariplo hanno convocato a Milano una consultazione a porte chiuse con 26 diverse organizzazioni (pubbliche, private, NGO) per fare il punto sul ruolo delle fondazioni bancarie nell'ambito della conservazione della biodiversità e raccogliere spunti di riflessione su come migliorare tale apporto nell'ambito dello sviluppo delle strategie che si dovranno attuare dopo il 2015, quando i capisaldi individuati nei Millenium Development Goals (MDGs) andranno a naturale scadenza.
Claudio Celada
, Direttore Conservazione Natura della Lipu, vi ha preso parte, parlando dell'esperienza positiva di collaborazione tra la propria associazione, enti pubblici e fondazione bancaria nel reperimento ed implementazione di fondi europei avvenuta con il progetto Life TIB. La consultazione ha un risvolto internazionale di alto livello, è supportata da The World We Want e da due programmi delle Nazioni Unite, il United Nation Human Settlements Programme (UN HABITAT) e United Nation Development Programme (UNDP).

Nel report della consultazione (vedi allegato) il progetto Life TIB è citato come buona pratica.

13 novembre 2014 - INCONTRI

SEMINARIO "GIOPVANI PENSATORI" 2014-2015 PER PARLARE DI AMBIENTE

Il progetto Life TIB ospite al VI seminario del progetto Giovani pensatori "Filosofia, scienza e beni comuni" presso l'Università degli Studi dell'Insubria.

Muretto a seccoSi è parlato di rete ecologica, pianificazione territoriale e Contratto di Rete all'interno del seminario "giovani Pensatori", edizione 2014 - 2015, manifestazione che si svolge tutti gli anni a Varese a cura dell'Università degli Studi dell'Insubria, con il coinvolgimento di diversi dipartimenti universitari.
I numerosi appuntamenti organizzati nel corso dell'anno accademico si propongono di fornire agli studenti degli spunti di riflessione su diversi temi, dalla storia alla filosofia, passando per lettere, scienze e didattica applicata. Massimo Soldarini ha illustrato al pubblico intervenuto i passi salienti che hanno portato alla realizzazione del Life TIB, con particolare attenzione agli aspetti di pianificazione territoriale e coinvolgimento degli stakeholder locali, come gli amministratori pubblici, nella conservazione della biodiversità varesina.

Il programma è disponibile a questo link

17 ottobre 2014 - AZIONI

SOTTOPASSI PER CONNETTERE

Animali selvatici, una vita in movimento

SottopassoAd inizio primavera, rane, rospi e tritoni si spostano in massa dai boschi verso gli stagni per riprodursi. Se questo percorso è interrotto da una strada, ogni anno si compie una vera e propria strage di anfibi.
Quante volte poi ci è capitato di vedere animali selvatici investiti lungo il margine di una strada? Ricci e scoiattoli, ma anche specie rare o poco visibili, come il tasso, la martora, la puzzola o il moscardino. Il progetto LifeTIB ha individuato i percorsi abituali della fauna selvatica e sta intervenendo nei punti dove più spesso si rinvengono animali morti. Come? Realizzando dei sottopassi di diverse forme e dimensioni per favorirne gli spostamenti.

.

17 ottobre 2014 - AZIONI

AREE UMIDE E MURETTI A SECCO

Una rete a maglie strette

Muretto a seccoGli anfibi, così come i rettili, sono in grado di spostarsi tra gli ambienti a loro favorevoli solo se le distanze sono brevi. La situazione ideale è data da una “rete” di aree umide distribuite nel raggio di pochi chilometri; lo stesso si può dire per i muretti a secco, habitat privilegiato dai rettili. Se le distanze si dilatano perché gli ambienti naturali sono scomparsi, le popolazioni si isolano e aumenta dunque la loro probabilità di estinzione.
La creazione di otto nuove pozze per anfibi e il miglioramento di due aree umide già presenti ha lo scopo principale di facilitare lo spostamento di anfibi e rettili lungo il corridoio ecologico di cui si occupa il progetto LifeTIB. Il ripristino di muretti a secco, un tempo diffusi e oggi spesso crollati va a rafforzare questa azione. Infatti, l’associazione tra aree umide e muretti a secco costituisce un micro ambiente molto favorevole per specie quali il Pelobate fosco insubrico, la Rana di lataste, il Tritone crestato, la Natrice dal collare, il Saettone e persino diverse specie di pipistrelli.

17 ottobre 2014 - AZIONI

L’INCREDIBILE VITA DEL LEGNO MORTO

Interventi forestali per la biodiversità

Cervo volante Le foreste originarie delle nostre latitudini contenevano una quantità molto elevata di legno morto (anche 25 volte quella odierna). Le piante morte in piedi o schiantate a terra sono un micro ambiente ideale per la vita di numerosi insetti, uccelli e pipistrelli che vi trovano rifugio e cibo.
La pratica oggi diffusa di rimuovere le piante morte dai boschi impoverisce notevolmente la biodiversità di questi ambienti, tanto che alcune specie, come il Cervo volante e il Cerambice della quercia, sono attualmente fortemente minacciate.
Per favorire tutte le specie legate al legno morto che si trovano nel corridoio ecologico prealpino il progetto LifeTIB ha realizzato alcuni interventi per accelerare l’invecchiamento, la morte e il decadimento naturale di alberi alloctoni, ovvero non originari di questo territorio.

 

17 ottobre 2014 - AZIONI

SALICI BIANCHI PER RARISSIMI INSETTI

Nuove piantumazioni e recupero di antiche pratiche contadine per migliorare la biodiversità degli ambienti rurali

Osmoderma eremitaIl salice bianco è da sempre un elemento del paesaggio locale, sia quando cresce liberamente sulle rive di fiumi e torrenti, sia quando è allineato lungo filari alberati. Un tempo veniva gestito a capitozzo: questa antica pratica contadina di potatura provoca un ingrossamento del tronco dove trovano rifugio numerosi insetti che si nutrono di legno morto, tra cui il prezioso coleottero Osmoderma eremita.
Con l’abbandono dell’agricoltura tradizionale i salici gestiti a capitozzo sono diventati una rarità. La piantumazione di trecentocinquanta nuove piante nei siti più idonei all'interno dell'area di progetto e la capitozzatura di trenta salici maturi esistenti mira soprattutto alla conservazione della ridotta popolazione locale di Osmoderma eremita, specie protetta ma a rischio di estinzione su tutto il territorio europeo.


17 ottobre 2014 - AZIONI

FERMIAMO L’INVASIONE DELLE PIANTE ALIENE

Fior di loto e Ludwigia hexapetala minacciano gli specchi d’acqua, intervenire è d’obbligo

Fior di lotoLa diffusione delle specie alloctone, ovvero non proprie del luogo, costituisce una seria minaccia per la biodiversità. Esse infatti modificano gli habitat a tal punto da renderli inospitali per le specie originarie, dette autoctone, che talvolta scompaiono del tutto.
Fior di loto e Ludwigia hexapetala sono un esempio eclatante: in poco tempo hanno colonizzato parte degli specchi d’acqua prealpini rendendo necessario un deciso intervento di rimozione. A farne le spese sono specie come la Ninfea bianca e il Nannufero, tipiche delle acque paludose, così come il Limnantemio in ambienti lacustri.
Questa modifica degli habitat penalizza fortemente anche pesci e uccelli, tra cui Tarabuso, Airone rosso, Moretta tabaccata e Nibbio Bruno. Attraverso il progetto LifeTIB si procede quindi ad un protocollo di sperimentazioni per la rimozione di Fior di loto e di Ludwigia hexapetala applicato in Palude Brabbia e nel Lago di Varese.


15 ottobre 2014 - DIVULGAZIONE

CONTINUANO LE ESCRUSIONI GUIDATE ALLA SCOPERTA DEL CORRIDOIO ECOLOGICO

In bici o a piedi lungo il corridoio ecologico del LifeTIB

PasseggioSpostarsi nelle aree protette della provincia di Varese, un’impresa non facile. La Lipu organizza escursioni a piedi o i bicicletta per mettersi nei panni di un animale selvatico che si sposta lungo i corridoi ecologici del progetto Life TIB.

Prossimi appuntamenti in bicicletta:

domenica 26/10 percorso da Mornago a Biandronno (percorso nr 3)

domenica 02/11 percorso da Mornago a Varano Borghi (percorso nr 2)

Prenotazione obbligatoria scrivendo a lifetib@provincia.va.it.


3 ottobre 2014 - FORMAZIONE

Workshop per docenti sui temi della biodiversità

Lipu propone incontri per formare i formatori ad Angera e Inarzo

WorkshopAnche quest’anno la Lipu organizza un workshop per docenti della scuola Primaria (4° e 5° anno) e Secondaria di 1° grado sui temi cardine del Life TIB: biodiversità, connessioni ecologiche e conservazione della natura.

Primo appuntamento:
Giovedì 6 Novembre 2014, ore 14.30 – 18.30 - Angera (VA), c/o Ist. Comprensivo di Angera, via Dante 2

Secondo appuntamento:
Venerdì 14 Novembre 2014, ore 14.30 – 18.30 - Inarzo (VA), c/o RNR Palude Brabbia, via Patrioti 22.

Saranno forniti strumenti pratici da utilizzare con gli alunni, idee per il lavoro in classe, supporti didattici. La partecipazione è gratuita, previa prenotazione scrivendo a oasi.brabbia@lipu.it oppure chiamando 0332/964028.

Scarica la presentazione

1 ottobre 2014 - DIVULGAZIONE

Foreste, serbatoio di biodiversità

Il 4-5 ottobre 2014 appuntamento con la Lipu al Parco Foreste Casentinesi

LocandinaSabato 4 ottobre seminario a Ridracoli (FC), nel cuore del Parco Nazionale Foreste Casentinesi, sulle foreste italiane, le specie di uccelli e altri casi studio sulla biodiversità.  Si parlerà delle azioni forestali di prossima realizzazione previste dal progetto Life TIB. Nel pomeriggio visita alla diga di Ridracoli. Domenica 5 ottobre escursione nella foresta di Campigna in occasione dell’Eurobirdwatch 2014

Scarica la locandina

 


20 settembre 2014 - CONVEGNI

Il LifeTIB raggiunge il Po

Il LifeTIB al Parco fluviale del Po e dell’Orba (AL), sabato 20 settembre 2014.

ReticulaIl nostro progetto è stato presentato all’interno dell’interessante convegno “Biodiversità e connettività ecologica negli ambienti agricoli”, organizzato dall’Ente Parco fluviale del Po e dell’Orba (Morano sul Po, AL). Il convegno fa parte delle attività intraprese dal Parco nell’ambito del Piano di Sviluppo Rurale 2007 – 2013.

Scarica la locandina

 



luglio 2014 - DIVULGAZIONE

RETICULA sul Contratto di Rete

La notizia della firma riportata dall’importante rivista online

Trekking RETICULA, importante notiziario online del Gruppo di lavoro Nazionale Reti Ecologiche e Green Infrastructure, viene pubblicato da ISPRA con l’obiettivo di osservare e disseminare le novità relative al tema della connettività ecologica. Già in passato, la rivista aveva ospitato approfondimenti tecnoco-scientifici circa il progetto Life TIB.
Occupandosi anche di governance ambientale non poteva sfuggire alla redazione di RETICULA la firma del Contratto di Rete dello scorso 12 maggio. Si segnala, dunque, il box “FIRMATO IL CONTRATTO DI RETE PER LA RETE ECOLOGICA CAMPO DEI FIORI- TICINO” nell’area News del numero di 06/2014.

Scarica la pubblicazione dal sito ISPRA

maggio - giugno 2014 - DIVULGAZIONE

IL LifeTIB IN RASSEGNA

I video del Life TIB presenti nella rassegna varesina del documentario ambientale "DI TERRA DI CIELO 2014"

Foto di gruppo“Conoscere le reti ecologiche”, questo il titolo delle serate in cui il Progetto Life TIB si è fatto conoscere nel contesto di “DI TERRA E DI CIELO 2014”, rassegna del documentario ambientale promossa da Filmstudio90 con il sostengo di LIPU e Legambiente. Gli incontri (venerdì 9 maggio a Daverio e domenica 1 giugno a Inarzo) hanno visto la proiezione del trailer del documentario sul Progetto LifeTIB e delle videoclip “Connettere la biodiversità” e “Dal consumo di suolo alla rete ecologica” realizzate da Marco Tessaro e prodotte da LIPU Onlus. Massimo Soldarini ha illustrato il progetto nel suo complesso e introdotto i video.
Incentrata sul tema delle reti ecologiche anche la serata di Castello Cabiaglio di giovedì 15 maggio quando sono state presentate un serie di videoclip dedicate alle scuole e relative al progetto “I corridoi ecologici della Comunità Montana Valli del Verbano”, videoclip realizzate da Marco Tessaro, prodotte da LIPU Onlus con il sostengo della Comunità Montana Valli del Verbano.

14-15 maggio 2014 - AZIONI

L’EUROPA DELLA NATURA

Workshop internazionale organizzato da BirdLife Europe su reti ecologiche e tutela della biodiversità

Foto di gruppoLa creazione e il rafforzamento delle reti ecologiche è, e sarà in futuro, sempre più cruciale per la conservazione della natura e della biodiversità in Europa. È il tema dell’importante workshop internazionale in corso in questi giorni a Gazzada (Varese) e organizzato da BirdLife International e dalla Lipu nell’ambito del progetto Life Tib, coordinato dalla Provincia di Varese e a cui partecipano Lipu-BirdLife Italia e Regione Lombardia, con il supporto di Fondazione Cariplo.

Il workshop, dal titolo From patchwork to network: landscape scale nature conservation and connectivity vede la partecipazione di 17 Paesi partner di BirdLife in Europa. Un tema, quello trattato dal workshop, che è al centro della Strategia europea sulla biodiversità e, in particolare, del suo “Target 2”, il cui obiettivo è preservare e valorizzare, entro il 2020, gli ecosistemi e i loro servizi proprio mediante le infrastrutture verdi, e ripristinare il 15% degli ecosistemi degradati. Un obiettivo ambizioso con cui l’Europa intende dare impulso alla tutela di siti e habitat cruciali per la conservazione delle specie animali e vegetali.

Comunicato stampa

12 maggio 2014 - CONTRATTO DI RETE

CONTRATTO DI RETE: LA FIRMA!

CINQUANTA COMUNI SI IMPEGNANO COL “CONTRATTO DI RETE” PER LA SALVAGUARDIA DELLA BIODIVERSITÀ VARESINA. Sottoscritto a Villa Recalcati il documento a tutela delle connessioni ecologiche tra il Parco del Campo dei Fiori e quello del Ticino

ROSPO COMUNEDifendere la biodiversità varesina attraverso due indispensabili “autostrade” verdi. È stato firmato questa mattina a Villa Recalcati il “Contratto di rete”, un documento di governo territoriale che segna il culmine di un percorso i cui protagonisti sono Provincia di Varese, Parco Campo dei Fiori, Parco del Ticino e 50 Comuni della provincia con il sostegno di Regione Lombardia. Il Contratto riporta anche la firma dei rappresentanti Lipu-Birdlife Italia e della Fondazione Cariplo, partner determinanti del progetto che si è concluso con la sottoscrizione di stamattina.

Scopo del documento siglato è preservare i due corridoi naturali che, costeggiando il Lago di Varese e attraversando la provincia da nord a sud, collegano il Parco Campo dei Fiori al Parco del Ticino proteggendone le fondamentali connessioni ecologiche, anche in un’ottica di congiunzione tra le Alpi e gli Appennini e, di conseguenza, tra il nord Europa e il Mediterraneo. Si tratta di corridoi essenziali per la vita di flora e fauna perché sia gli animali che le piante, per sopravvivere, hanno bisogno di muoversi, migrare, scambiare il proprio patrimonio genetico con altri esemplari.

Comunicato stampa

marzo 2014 - AZIONI

ANFIBI E AREE UMIDE

Monitoraggio della fauna anfibia presso le aree umide e nei tratti di passaggio sulla viabilità. Esiti del secondo anno di monitoraggio (2013).

ROSPO COMUNEIl progetto Life TIB prevede alcune azioni rivolte a migliorare la connessione ecologica per l’erpetofauna: il ripristino di 2 zone umide in fase di interramento, la realizzazione di 8 stagni artificiali per la riproduzione e la costruzione di 5 sottopassi per l’attraversamento stradale durante la migrazione riproduttiva per anfibi, nonché la costruzione di nuovi muretti a secco utili come ambienti di rifugio per rettili. Nei siti selezionati, gli anfibi sono stati censiti a vista e al canto sia nelle zone umide che nei siti di realizzazione dei sottopassi, mentre i rettili sono stati conteggiati lungo i muretti a secco e negli ambienti più idonei ai bordi di boschi e prati.

Complessivamente nel 2013 i monitoraggi hanno evidenziato la presenza di 9 specie di anfibi (rospo comune, raganella, rana dalmatina, rana di Lataste, rana temporaria, rana verde, tritone punteggiato, tritone crestato, salamadra pezzata) e 5 di rettili (orbettino, biacco, natrice, ramarro, lucertola muraiola). Molte di queste sono fortemente minacciate e oggetto di particolare tutela, come il tritone crestato, la rana di Lataste e il ramarro. Nei siti di realizzazione dei sottopassi il censimento degli individui schiacciati su strada ha evidenziato la presenza del rospo comune e delle rane rosse. Tutti i siti individuati per la creazione di sottopassi risultano essere molto utilizzati durante la migrazione primaverile, a testimonianza dell’utilità di tali interventi per la salvaguardia dell’erpetofauna.

Relazione tecnica

marzo 2014 - AZIONI

AVIFAUNA E LEGNO MORTO

Monitoraggio delle specie ornitiche legate al legno morto. Esiti dei due anni di monitoraggio.

Picchio rosso maggioreIl monitoraggio delle comunità ornitiche è di fondamentale importanza per comprendere l’evoluzione delle biocenosi in generale, oltre ai trend delle popolazioni delle varie specie. Un insieme di specie target può quindi rappresentare un “termometro ambientale” per misurare la bontà di azioni di conservazione e gestione di un determinato sistema di aree o di habitat. Lo studio attuale è incentrato sul monitoraggio delle specie ornitiche legate al legno morto, previsto dall’azione E.2 “Monitoraggio faunistico e vegetazionale pre – durante – post interventi” del “LIFE+ TIB”.

L’obiettivo è quello di valutare gli effetti delle azioni forestali finalizzate all’aumento della necromassa legnosa in foresta, considerata una componente fondamentale per il mantenimento e l’incremento della biodiversità. Le specie target di questo studio sono il Picchio nero (Dryocopus martius), la Cincia bigia (Poecile palustris) e il Rampichino comune (Certhia brachydactyla), specie tipicamente forestali. La metodologia adottata è quella dei “punti d’ascolto”, stazioni puntiformi di rilevamento dell’avifauna. I punti d’ascolto (25) sono ripetuti due volte nel corso della stagione riproduttiva e sono localizzati sia nei pressi delle aree di intervento forestale che in quelle di “controllo” (non soggette a interventi) al fine di valutare nel tempo le possibili variazioni nella presenza/assenza, nel numero di territori o nel numero di covate per ciascuna delle specie studiate.

Relazione tecnica

marzo 2014 - AZIONI

INSETTI E LEGNO MORTO

Monitoraggio della coleotterofauna saproxilica. Esiti della seconda annualità di monitoraggio (2013)

Osmoderma eremitaNel 2013 il monitoraggio del Lucanus cervus è stato condotto su 6 stazioni nuove e su 22 stazioni già monitorate l’anno precedente. La specie è stata rinvenuta in 15 stazioni, 4 delle quali monitorate per la prima volta quest’anno. Delle restanti 11 stazioni, il monitoraggio ha riconfermato la presenza della specie che era già stata segnalata nel 2012. Grazie alle nuove stazioni, i punti di presenza del cervo volante sono aumentati e la distanza media tra le stazioni è notevolmente diminuita.
Nei casi in cui la distanza è ancora molto elevata (circa 3 km) sono comunque presenti delle stazioni che, in seguito agli interventi di incremento di necromassa, potranno rappresentare degli “stepping stones” per lo spostamento della specie da un area di presenza a quella successiva. Per quanto riguarda il monitoraggio dell’Osmoderma eremita sono state indagate le stesse stazioni dell’anno precedente, ad eccezione della stazione 205 (ex S5) che è stata ritenuta non idonea per la specie. L’Osmoderma è stato riconfermato nella stazione del 2012 e rinvenuto in una nuova stazione. Le due aree si trovano a circa 200m di distanza l’una dall’altra e quindi molto probabilmente si tratta della stessa popolazione. In entrambe le stazioni è stato catturato anche l’Elater ferrugineus. Questa specie, considerata Near threatened (NT) dalla lista rossa Europea (Nieto and Alexander 2010), rappresenta il principale predatore dell’Osmoderma eremita. L’incremento degli alberi-habitat per l’Osmoderma eremita favoriranno la sopravvivenza di entrambe le specie portando sia ad una deframmentazione su ampia scala sia ad un ripristino ambientale a livello più locale.

Relazione tecnica N.B. All'interno della relazione sono state oscurate alcune informazioni per ragioni di conservazione delle specie.

marzo 2014 - AZIONI

INTERVENTI DI CONTROLLO DELLE SPECIE ESOTICHE

Monitoraggio degli esperimenti di controllo/eradicazione di Nelumbo nucifera presso la Riserva Palude Brabbia (azione C.5.a) e di Ludwigia grandiflora presso la ZPS Lago di Varese (azione C.5.b). Esiti dei monitoraggi degli interventi di eradicazione effettuati nel 2013.

fior di lotoIl monitoraggio degli interventi di eradicazione delle specie Ludwigia hexapetala sul Lago di Varese e Nelumbo nucifera in Palude Brabbia eseguiti nel 2013 ha compreso l’acquisizione di dati relativi a parametrici biotici e abiotici per entrambe le specie e la mappatura con GPS delle aree occupate da Ludwigia. Sono state svolte cinque campagne di monitoraggio, una per ogni mese da giugno a ottobre, volte a individuare, tramite l’analisi delle variazioni dei parametri misurati, l’efficacia degli interventi eseguiti. Si possono riportare solo considerazioni preliminari in quanto la sperimentazione è solo agli inizi.

Nei popolamenti prevalentemente acquatici di Ludwigia gli interventi hanno mostrato una buona efficacia: in tutti i casi si è assistito ad una ripresa poco significativa della specie. Nei popolamenti terrestri l’efficacia degli interventi è stata invece inferiore: dopo un primo intervento la Ludwigia su greto risultava praticamente aver rioccupato dal 50% al 70% delle aree precedentemente occupate. Solo un secondo intervento di eradicazione ha drasticamente ridotto la superficie occupata dalla specie ma in un momento (fine settembre) in cui il vigore della specie è già di per sé inferiore. Per quanto riguarda gli interventi eseguiti sul fior di loto in Brabbia il primo anno di sperimentazione ha mostrato una buona efficacia in termine di costi/benefici nello sfalcio ripetuto. Come già premesso, saranno in ogni caso i monitoraggi a venire, alla ripresa vegetativa della specie, a fornire ulteriori ed imprescindibili elementi di valutazione.

Relazione tecnica

marzo 2014 - AZIONI

LOTTA ALLE SPECIE ESOTICHE

Monitoraggio della presenza e diffusione di specie esotiche pre e post interventi a favore della necromassa (azione C.6). Esiti della seconda stagione di monitoraggio.

faggetaL'azione prevedeva un monitoraggio sulle componenti vegetali in ambito forestale. L’oggetto specifico dei rilevamenti nel monitoraggio è costituito da alcune specie vegetali esotiche (specie target), quali il pioppo ibrido, il platano, l’ailanto, il ciliegio tardivo, la quercia rossa e la robinia. I rilevamenti, che comprendono tre metodologie differenti (fitosociologico, stato fitosanitario e rinnovazione lungo transetti), sono stati effettuati in 12 aree dove sono previsti interventi di incremento della necromassa a discapito delle specie target (azione C.6).
A ciascuna area d’intervento è stata associata un’area di controllo. Al fine della comparazione dei dati dei rilievi fitosociologici, sono stati considerati alcuni indici ecologici (presenza di specie tendenzialmente eliofile, disturbo antropico e presenza di specie esotiche nel sottobosco) che potenzialmente esprimono la risposta della vegetazione a fattori di cambiamento/pressione ambientale. In tal modo è stato possibile evidenziare che prima degli interventi sulla necromassa non esiste una differenza statisticamente significativa rispetto a questi indici tra le aree d’intervento e quelle di controllo. Per quanto concerne lo stato fitosanitario delle specie target, tutti gli alberi già mostrano perlomeno un lieve danno. Infine, soltanto in poche aree dell’azione C.6 è stata riscontrata una rinnovazione, attribuibile in massima parte alla quercia rossa e al ciliegio tardivo.

Relazione tecnica

marzo 2014 - AZIONI

STUDIO DEI MAMMIFERI DI MEDIE DIMENSIONI

Monitoraggio della teriofauna di medie dimensioni. Esiti del primo e secondo anno.

volpeIl presente abstract fa riferimento alle prime 2 annualità di monitoraggio della teriofauna di medie dimensioni presso i siti individuati per la realizzazione degli interventi previsti nell'ambito del progetto (Azioni C.09, C.10, C.11 e C.12 del LIFE TIB). I 14 siti, coincidenti con le aree dove verranno realizzati i passaggi faunistici o gli interventi di rinaturalizzazione di strutture preesistenti, sono stati monitorati mediante foto-trappole dotate di sensore di rilevamento del movimento e flash infrarosso. Le due sessioni di monitoraggio hanno permesso di registrate 709 immagini utili ad attestare presso i siti monitorati 355 passaggi di fauna selvatica comprendente 26 differenti specie nel 2012 e 384 passaggi nel 2013 comprendenti 24 specie: considerando esclusivamente le specie di mammiferi, le immagini registrate si riferiscono ad un totale di 295 passaggi di 15 specie (2 domestiche) nel 2012, e di 347 passaggi di 13 specie (2 domestiche) nel 2013. Gli incrementi maggiori del tasso di cattura (numero passaggi/numero notti-trappola), tra le due annualità, sono stati registrati per i siti V54 di Varese, V22 di Malgesso, V05 di Bardello e V48 di Coquio-Trevisago, mentre i decrementi più significativi sono stati registrati per i siti V50 di Coquio-Trevisago, V11 di Bregano, V40 di Bardello e V43 di Cadrezzate. La fenologia oraria dei passaggi dei mammiferi selvatici monitorati durante le due annualità indica che complessivamente quasi l’85% dei passaggi è stato registrato nell’intervallo di 12 ore compreso tra le 18:00 e le 06:00.

Relazione tecnica

11 marzo 2014 - AZIONI

COMPLETATE LE BIO-OPERE PER LA SALVAGUARDIA DI ANFIBI E RETTILI

Create e ripristinate da Brinzio a Sesto Calende ben 10 zone umide, indispensabili per la riproduzione di rane e rospi e 500 metri di muretti a secco, rifugi necessari alla sopravvivenza di rettili e piccoli mammiferi

Rana di LatasteOltre 500 metri di muretti a secco, 8 nuove aree umide e 2 ripristinate in un territorio che va da Brinzio fino a Sesto Calende. Sono le prime opere realizzate grazie al TIB, ovvero “Trans Insubria Bionet”, il progetto di tutela della biodiversità promosso da Provincia di Varese, Regione Lombardia, LIPU–Birdlife Italia, Fondazione Cariplo, con il sostegno dell'Unione Europea, progetto che opera sul corridoio ecologico che collega il Parco del Campo dei Fiori e il Parco del Ticino (creando un anello di congiunzione tra le Alpi e la Pianura Padana) e che interessa ben cinquanta Comuni del Varesotto.
Grazie all’apertura di nuove aree umide, collocate strategicamente laddove è stata censita la presenza di anfibi, questi animali potranno disporre di nuovi e più ampi territori dove "mettere su famiglia" e riposare dopo le fatiche del viaggio: a parte la rana verde, infatti, che staziona abitualmente negli stagni, tutte le sue cugine vivono nei boschi e si spostano nelle zone umide solo per riprodursi.

Comunicato stampa N.B. All'interno della relazione sono state oscurate alcune informazioni per ragioni di conservazione delle specie.

20 febbraio 2014 - INCONTRI

TAVOLO BIODIVERSITÀ: VENTI RICERCATORI E TECNICI IMPEGNATI NEL LIFE TIB A CONFRONTO

Si è tenuto lo scorso 18 febbraio il secondo "Tavolo biodiversità", un incontro tra i ricercatori, i tecnici e lo staff di progetto per delineare lo stato di avanzamento delle diverse azioni di studio del corridoio ecologico alla vigilia dell'inizio della terza stagione di campo.

Gruppo tecniciLe indagini eseguite nella stagione 2013 e i primi risultati acquisiti sono stati esposti per "gruppi" di azioni (batimetria e monitoraggio di Palude Brabbia e lago di Varese a seguito dei primi interventi su Fior di Loto e Ludwigia; monitoraggio di rettili e anfibi, mammiferi e uccelli; azioni forestali, comprendenti le indagini sui coleotteri e sulla vegetazione).
I dati raccolti nella scorsa stagione di campo hanno permesso di elaborare alcune prime riflessioni grazie ai risultati molto interessanti che, sebbene ancora prematuri, confermano l'elevato valore naturalistico dell'area oggetto di studio, il corridoio ecologico Campo dei Fiori - Valle del Ticino. Sono inoltre state analizzate le difficoltà incontrate e proposte azioni migliorative per la stagione di prossimo avvio.
I primi ricercatori in azione saranno gli erpetologi, attivi in questi giorni per il monitoraggio di rane e rospi, "in movimento" per via delle alte temperature; in seguito ricominceranno i monitoraggi degli uccelli e dei mammiferi e, con l'arrivo della primavera, tutti gli altri. Come di consuetudine, il Tavolo biodiversità verrà riunito il prossimo anno, prima dell'avvio dell'ultima stagione di campo, con dati sicuramente più corposi e confronti più dettagliati.

20 dicembre 2013 - AZIONI

DEFRAMMENTAZIONE: INTERVENTI SULLE LINEE ELETTRICHE

Lo schianto e la folgorazione su cavi di alta e media tensione uccidono un gran numero di uccelli migratori ogni anno. Il LifeTIB, in collaborazione con ENEL, è intervenuto per mettere in sicurezza alcune linee elettriche lungo il torrente Strona.

Intervento enelAttraversano i valichi montani, seguono il corso dei fiumi. Sono gli uccelli migratori, che si spostano da nord a sud, e viceversa, per due volte all’anno. In cerca di cibo per sfamare i pulcini o un’area più calda per passare l’inverno. Mornago, Comune in provincia di Varese, si trova sull’importante rotta migratoria tra il lago di Varese, la Palude Brabbia e il fiume Ticino. Un corridoio ecologico fondamentale, che collega le Alpi alla Pianura padana. Un passaggio obbligato per la migrazione o per gli spostamenti a breve raggio di alcune specie: nitticora, tarabusino, il raro airone rosso; rapaci come il nibbio bruno, e poi succiacapre e martin pescatore.
Da pochi giorni, grazie al progetto Life “Tib” il passaggio di questi uccelli è stato reso più sicuro. Una linea elettrica posizionata proprio lungo il corridoio di Mornago, nelle vicinanze del torrente Strona, tra boschi, siepi e prati, rappresentava una concreta minaccia all’incolumità degli uccelli.
Da monitoraggi effettuati negli scorsi anni, si è notato che aironi, rapaci e anche passeriformi sbattevano contro i fili, oppure rimanevano folgorati nei pressi dei piloni. L’intervento dei tecnici dell’Enel, effettuato in questi giorni nell’ambito del progetto Life, salverà d’ora in poi gli uccelli da queste insidie: 41 spirali, posizionate lungo i cavi a una distanza di 15 metri una dall’altra, funzionano come segnalatori visivi e, grazie alle vibrazioni causate dal vento, anche acustiche; mente cinque piloni sono stati isolati per evitare che gli uccelli, aprendo le ali, rimangano d’ora in poi folgorati. In tutto, 500 metri di linea posti in sicurezza, per permettere una migrazione sicura. Anche, e soprattutto, in condizioni di scarsa visibilità, come nelle ore crepuscolari, di notte o con la nebbia. I monitoraggi, in corso da due anni, proseguiranno ora fino al 2015. Ornitologi e tecnici con il naso all’insù per verificare la bontà degli interventi effettuati. Perché tutelare la migrazione è importante per il cielo, per la terra e per l’uomo.

Comunicato stampa

16 dicembre 2013 - PUBBLICAZIONI

CAMBIAMENTI CLIMATICI E CONSERVAZIONE DELLA BIODIVERSITÀ:
L’IMPORTANZA DELLE RETI ECOLOGICHE

Il quarto numero della rivista tecnico scientifica RETICULA (n°4/2013) contiene una pubblicazione che illustra il progetto LifeTIB in relazione ai cambiamenti climatici.

locandinaOccorre chiedersi come le attuali strategie di conservazione della biodiversità, la cui implementazione risulta per altro molto carente, possano rimanere efficaci a fronte degli ingenti e repentini cambiamenti ambientali causati dai cambiamenti climatici. Il problema della distruzione e frammentazione degli habitat ha ormai portato alla ribalta la necessità di riconnettere i patches di habitat residui tramite corridoi ecologici, stepping stones o altre modalità volte a favorire la dispersione degli organismi, in una logica generale di rete ecologica.
L’esigenza di movimento da parte di molte specie animali e vegetali viene amplificata dai cambiamenti climatici che causano la scomparsa di taluni habitat e lo spostamento nella distribuzione geografica ed altitudinale di altri. In questo contesto si inquadra il progetto LIFE TIB.
Il quarto numero della rivista tecnico scientifica RETICULA (n°4/2013) intitolato “Climate change, naturalità diffusa e pianificazione territoriale”, realizzata a cura del Settore Pianificazione Territoriale del Dipartimento Difesa della Natura di ISPRA, tratta questi temi in modo esauriente e pubblica un articolo dal titolo “Cambiamenti climatici e conservazione della biodiversità: l’importanza delle reti ecologiche” che, tra l’altro, illustra il progetto LifeTIB. La rivista è disponibile online a questo link:

http://www.isprambiente.gov.it/it/pubblicazioni/periodici-tecnici/reticula

E’ inoltre possibile ricevere i prossimi numeri di RETICULA e informazioni sulle attività del Settore Pianificazione Territoriale compilando il form di registrazione.

06 dicembre 2013 - INCONTRI

I VIDEO DEL LIFE TIB AL PARCO TICINO LAGO MAGGIORE
Parco Ticino Lago Maggiore e Società Fotografica Novarese ospitano a Villa Picchetta di Cameri (No) i documentari del LifeTIB in una serata aperta al pubblico dedicata all'autore Marco Tessaro. Il ruolo del produttore, LIPU BirdLife Italia, è stato illustrato da Massimo Soldarini Responsabile Nazionale per l'associazione dei Settori Progetti e Volontariato.

locandinaLe reti ecologiche raccontate attraverso i video sono state il filo conduttore della serata di Villa Picchetta. Al pubblico di appassionati fotografi è stato proposto in primo luogo il documentario "Amare le acque e chiamarle per nome - ambienti acquatici del VCO" (2011) realizzato nell'ambito progetto Parchi in rete e girato nel territorio del Verbano Cusio Ossola. Ad esso sono seguiti i tre vide ad oggi realizzati per il LifeTIB: il trailer del documentario e le brevi clip "Connettere la biodiversità" e "Dal consumo di suolo alla rete ecologica".


Locandina




23 novembre 2013 - NETWORKING

LIFE TIB E "LA BELLEZZA DEL PAESAGGIO NATURALE" -
PARCO NAZIONALE VALGRANDE E MUSEO DEL PAESAGGIO

Intervento divulgativo nel contesto della Terza Conferenza Provinciale per il Paesaggio organizzata in provincia di Verbania in occasione della Settimana di Educazione alla Sviluppo Sostenibile indetta dall'UNESCO

locandina23 novembre 2013 - Cossogno (Vb)

La rete Ecologica in Provincia di Varese: la
pianificazione, il Conttatto di Rete, il Life TIB


Massimo Soldarini, LIPU, Responsabile Nazionale Settori
Progetti e Volontariato.



Locandina



14 novembre 2013 - NETWORKING

IL "TIB" ALL'UNIVERSITA': INCONTRO CON GLI STUDENTI DI ARCHITETTURA
DEL POLITECNICO DI MILANO

Lo staff del progetto LIFE TIB ha illustrato ai giovani studenti il percorso che ha portato alla nascita del progetto e il suo attuale stato di avanzamento, con particolare attenzione per gli aspetti urbanistici.

PoliMI Giovedì 14 novembre scorso presso il dipartimento di Architettura e Studi Urbani (DASTU) del Politecnico di Milano, corso di laurea in Architettura - Progettazione tecnologica e ambientale, ha avuto luogo una lezione specifica sul progetto Life TIB.
I relatori, Sara Barbieri Administrative and Managament Coordinator della Provincia di Varese e Massimo Soldarini, responsabile del progetto per la Lipu, hanno illustrato in particolare il percorso che ha portato alla nascita del progetto, il metodo utilizzato per l'identificazione di un rete ecologica tra Parco del Campo dei Fiori e fiume Ticino, le soluzioni intraprese per garantire a questa rete una tutela, attraverso l'accordo volontario tra comuni denominato Contratto di rete.
Dato lo specifico interesse del corso di studi, sono state illustrate le opere di miglioramento ambientale di attuale o prossima realizzazione. I cinquanta studenti presenti hanno dimostrato un notevole interesse per l'argomento, formulando diverse domande ai relatori. Questo modulo formativo fa parte dell'azione D8 "Creazione e presentazione di un modulo tecnico formativo", nei prossimi saranno organizzati altri momenti di formazione specifica, come previsto nel progetto Life TIB.

21 - 23 settembre 2013 - NETWORKING

IL LIFETIB SI RACCONTA, INCONTRI PER LA DIVULGAZIONE DEL PROGETTO
Presso il Parco Campo dei Fiori e il Comune di Arsago Seprio due occasioni per approfondire le tematiche degli interventi sul corridoio ecologico

LudwigiaSabato 21 Settembre ore 9.30

La risorsa della biodiversità, qualità e valori nell'agricoltura tradizionale
Museo della cultura rurale prealpina
Comune di Brinzio
Ente Parco Regionale Campo dei Fiori

Locandina

Lunedì 23 Settembre ore 21.00

Tra boschi e paludi alla scoperta dei corridoi ecologici della Provincia di Varese
Sala polivalente Centro Concordia
Via Concordia - Comune di Arsago Seprio

Locandina

2 settembre 2013 - NETWORKING

Ludwigia"TUTELARE E VALORIZZARE LA BIODIVERSITÀ TRA ADDA E BREMBO": L'ESPERIENZA DEL LIFETIB A CONFRONTO
Il Convegno si terrà venerdì 20 settembre 2013 presso il Castello Colleoni di Solza (BG)


Il progetto "Tutelare e valorizzare la biodiversità tra Adda e Brembo" prende avvio da un accordo di partenariato sottoscrittoda una ventina di Comuni bergamaschi che hanno aderito congiuntamente ad un Bando di Fondazione Cariplo nel 2011 per la progettazione della Rete Ecologica a scala locale. In questa occasione si presentano i risultati delle indagini, le proposte progettuali e alcuni spunti di riflessione in merito alle prospettive future sul governo del territorio, facendo anche riferimento ad altre esperienze analoghe. Il Convegno prevede due sessioni, una mattutina e una pomeridiana. Quest'ultima conterrà l'intervento di Massimo Soldarini (LIPU - BirdLife Italia ONLUS ): "La rete ecologica in Provincia di Varese: la pianificazione, il contratto di rete, il Life TIB" e sarà dedicata al confronto tra diverse esperienze di pianificazione di rete ecologica nonché alla discussione dei possibili scenari per la loro attuazione.

Locandina

1 agosto 2013 - INCONTRI

LudwigiaUN INCONTRO PER LA LOTTA ALLE PIANTE INFESTANTI
Buona partecipazione alle due serate di martedì 30 e giovedì 01/08 alle sedi della Canottieri di Gavirate e Varese.


Pescatori, rappresentanti di associazioni sportive, cittadini e staff del progetto LIFE TIB si sono ritrovati per parlare di Ludwigia hexapetala e Fior di Loto, e delle modalità per limitare la loro propagazione nei bacini lacustri del varesotto, in particolare nel lago di Varese e nella Palude Brabbia. Fondamentale è il supporto di tutti coloro che “vivono” il lago per limitare la rapida diffusione della Ludwigia: è necessario fare attenzione alle radici della pianta, che permettono appunto la propagazione e la nascita di nuovi individui, che si incastrano nei motori delle piccole imbarcazioni da diporto e possono essere veicolo della diffusione della pianta esotica anche in aree dove questa non è presente. E’ sufficiente rimuoverle e smaltirle nei rifiuti, senza lasciarle in acqua, come spesso avviene. Durante la serata sono stati illustrati gli interventi che si stanno realizzando in questi giorni sul lago e in palude per limitare le due specie, oltre che esporre gli interventi del progetto LIFE TIB in termini generali. In allegato la locandina delle serate. Si ringrazia l’associazione Canottieri Gavirate e Canottieri Varese per la cortese ospitalità.

Locandina

15 luglio 2013 - AZIONI

Rimozione ludwigiaPIANTE INFESTANTI: DAL “TIB" LE PRIME AZIONI CONCRETE PER SALVAGUARDARE LA BIODIVERSITÀ
Gli attori del “Trans Insubria Bionet”, progetto fondamentale a difesa delle connessioni ecologiche tra Alpi e Appennini, stanno mettendo in atto i primi interventi concreti sul lago di Varese e in Palude Brabbia a difesa dell’ecosistema locale.


Entra nel vivo TIB, ovvero “Trans Insubria Bionet”, il progetto LIFE di tutela della biodiversità cofinanziato dalla Commissione Europea. Tra le varie azioni previste dal programma rientrano il contrasto alle specie esotiche invasive e il recupero di ambienti degradati ed è proprio su questi due punti che, dopo una preliminare fase di studio, si stanno concentrando i primi interventi concreti. «Innanzitutto cercheremo di contrastare il proliferare di due specie asiatiche: la Ludvigia grandiflora e il Fior di loto – spiega Massimo Soldarini, responsabile LIPU -.

Leggi tutto

7 - 9 maggio 2013 - NETWORKING

INSEGNARE LE RETI ECOLOGICHE
Il Parco della Lura affronta il tema della connettività con il corso "Reti ecologiche: pianificazione, conservazione e gestione attiva del territorio".


Parco LuraNell’ambito del progetto “Collegamento a rete tra il Parco del Lura e le Aree Protette limitrofe: individuazione di corridoi ecologico-fruitivi e attuazione di un progetto pilota nel Comune di Cermenate” co-finananziato da Fondazione Cariplo, il Parco del Lura ha realizzato un corso gratuito di formazione interamente dedicato alla pianificazione e realizzazione di Reti Ecologiche, con particolare riferimento agli ambienti urbani e periurbani. Durante il corso sono state presentate esperienze di lavoro di successo, tra cui quella del LifeTIB. E’ infatti intervenuto Massimo Soldarini (LIPU) con una comunicazione dal titolo “Casi studio di costruzione di Reti ecologiche: Il Contratto di Rete e il Life Tib”.


Programma

Intervento LIPU


6 maggio 2013 - NETWORKING

IL LIFE TIB IN TRASFERTA A VERCELLI
Giornata di condivisione tra progetti LIFE.


Il progetto è stato presentato all’interno del workshop realizzato da Provincia di Vercelli in collaborazione con Arpa Piemonte "Strumenti per la realizzazione delle Reti Ecologiche: dalla pianificazione all'attuazione" il 15 maggio. La giornata è stata organizzata nell’ambito del progetto LIFE 09/NAT/IT/000093 ECORICE e fa parte dell’attività di networking con altri progetti Life prevista dal nostro TIB.

Programma

 
26 aprile 2013 - COMUNICAZIONE

Di terra e di CieloIL LIFE TIB VOLA AL CINEMA!
Il trailer e due video clip del documentario che Marco Tessaro sta realizzando per il progetto LifeTIB verranno presentate da Massimo Soldarini nell’ambito della rassegna “Di terra e di cielo – cinema, ambiente, natura, esplorazione” organizzata da Filmstudio ’90.


Anche quest’anno gli appassionati di natura della provincia di Varese potranno gustarsi una lunga carrellata di documentari che spaziano dall’ambito locale alla dimensione internazionale indagando debolezze e punti di forza della relazione che lega l’uomo all’ambiente. La rassegna, patrocinata da LIPU e Legambiente, coinvolgerà una dozzina di punti di proiezione del varesotto. Il progetto LifeTIB verrà presentato con un intervento di Massimo Soldarini e la proiezione del trailer del documentario di Marco Tessaro (2012, 4’) e delle clip Connettere la biodiversità (2012, 5’) e Dal consumo di suolo alla rete ecologica (2012, 6’) durante due serate: venerdì 17 Maggio presso la sezione CAI di Gallarate e martedì 4 giugno a Varese in Sala Filmstudio ’90.

Programma

 
05 aprile 2013 - AZIONI

ricercatoriTAVOLO BIODIVERSITÀ
I ricercatori impegnati nel Progetto LIFE TIB a confronto.


Il 5 Aprile scorso si è tenuto presso l’Oasi LIPU di Cesano Maderno il primo incontro plenario del Tavolo Biodiversità. 18 tra naturalisti e tecnici del team di Progetto si sono confrontati sugli esiti del primo anno di monitoraggio dal quale è emersa ancora una volta la buona qualità dell’ambiente nell’area di studio. Questo confronto ha, inoltre, permesso di esaminare congiuntamente le progettazioni preliminari delle opere di prossima realizzazione, raccogliendo utili suggerimenti e considerazioni per i tecnici della Provincia di Varese. Tante le idee e le proposte emerse dal Tavolo, da un possibile database unico dei dati faunistici e vegetazionali a nuovi spunti per il piano di comunicazione e per il coinvolgimento degli stakeholder. Una mattinata intensa che si ripeterà al termine della prossima stagione di campo (autunno 2013).

 
02 aprile 2013 - AZIONI

dispensaPRIMO WORSHOP PER INSEGNANTI
Buona partecipazione al primo workshop per insegnanti tenuto giovedì 7 e venerdì 8 marzo presso l'istituto comprensivo Vidoletti di Varese.


Una ventina di insegnanti della scuola primaria e secondaria di primo grado hanno seguito con interesse le relazioni di Alessio Martinoli, naturalista ed educatore attivo presso la Riserva Naturale Paluda Brabbia, e Stefania Ratano del settore Educazione LIPU. Tra i temi trattati, l'importanza di trasmettere il concetto di biodiversità ai ragazzi e come stimolarli alla lettura critica del paesaggio che li circonda. Durante i due pomeriggi è stato inoltre fornito un quadro generale sul progetto Life TIB e sulle prossime attività in programma. Ringraziamo il Dirigente scolastico della Vidoletti per la gentile ospitalità e gli insegnanti per la partecipazione attiva al workshop.

Scarica la dispensa

 
22 gennaio 2013 - PUBBLICAZIONI

lagoIL LIFE TIB SU VALUTAZIONE AMBIENTALE
La rivista Valutazione Ambientale pubblicata dall'Associazione Analisti Ambientali ospita un importante approfondimento sul progetto LIFE TIB nel n° 22 luglio-dicembre 2012


"La connessione ecologica per la biodiversità e il Life TIB in Provincia di Varese: corridoi ecologici tra Parco del Ticino e Parco del Campo dei Fiori" di Massimo Soldarini.

Leggi l'articolo


 
14 dicembre 2012 - AZIONI

lagoPIANTE INFESTANTI E SCOMPARSA DELLE TORBIERE: DAL “TIB" LE PRIME AZIONI CONCRETE PER SALVAGUARDARE LA BIODIVERSITÀ
Gli attori del “Trans Insubria Bionet”, progetto fondamentale a difesa delle connessioni ecologiche tra Alpi e Appennini, stanno per mettere in atto i primi interventi concreti a difesa delle specie locali


Entra nel vivo TIB, ovvero “Trans Insubria Bionet”, il progetto di tutela della biodiversità cui partecipano Provincia di Varese, Regione Lombardia, LIPU–Birdlife Italia, Fondazione Cariplo, Parco Campo dei Fiori, Parco del Ticino e trentacinque Comuni del Varesotto. Tra le varie azioni previste dal programma rientrano il contrasto alle specie esotiche invasive e il recupero di habitat danneggiati ed è proprio su questi due punti che, dopo una preliminare fase di studio, stanno per concentrarsi i primi interventi concreti.

Leggi tutto

 
22 novembre 2012 - PUBBLICAZIONI

censimento anfibiRETICULA, RIVISTA SCIENTIFICA SULLE RETI ECOLOGICHE
Pubblicato il primo numero del periodico a cura di ISPRA Ambiente


L’iniziativa, nata nell’ambito del progetto “Reti Ecologiche e Pianificazione Territoriale” dell’ Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, ISPRA, raccoglie e pubblica contributi sul tema delle reti ecologiche. RETICULA viene diffuso con la finalità di contrastare la sempre crescente frammentazione eco sistemica, tra le principali minacce per la tutela della biodiversità, attraverso la condivisione di esperienze e riflessioni sulla corretta gestione territoriale. Il primo numero di RETICULA ospita un approfondimento sul LifeTIB a cura di LIPU – BirdLife Italia.

Scarica la rivista

 
13 novembre 2012 - INCONTRI

IL PROGETTO LIFE TIB IN TRASFERTA A BRUXELLES
Martedì 13 Novembre 2012 si è svolto a Bruxelles l’incontro semestrale del network European Environmental Funders, gruppo di fondazioni europee attive in campo ambientale di cui Fondazione Cariplo, co-finanziatore del progetto TIB, è promotore.


L’incontro è stato articolato in due sessioni dedicate rispettivamente all’approfondimento del tema dei cambiamenti climatici, in cui è intervenuto Carlo Jaeger, cofondatore e presidente del Global Climate Forum, e alle connessioni ecologiche. In quest’ultima sessione, a cui hanno partecipato anche Elena Jachia per Fondazione Cariplo e Sara Barbieri per Provincia di Varese, è stato presentato il progetto LIFE TIB da parte di Claudio Celada, direttore conservazione LIPU. L’intervento ha sottolineato l’importanza del progetto LIFE TIB nell’ambito di una strategia più ampia di conservazione della biodiversità che vede al centro la creazione di un sistema efficiente ed efficace di corridoi ecologici a scala europea. Inoltre, spunti e informazioni importanti sono stati forniti da due funzionari della Commissione Europea, Francois Wakenhut, Capo dell’unità Conservazione della Natura e Biodiversità della Commissione Europea della DG Ambiente e Anne Burrill, Vice capo dell’Unità LIFE Natura della DG Ambiente, che hanno illustrato le evoluzioni previste per il programma LIFE a una platea dei rappresentanti di circa 20 fondazioni europee.

 
25 ottobre 2012 - VOLONTARIATO

strambaNUOVI VOLONTARI PER LA NATURA    
Due giorni di formazione per i nuovi volontari del “Gruppo Locale di Conservazione”  del Lago di Varese e della Palude Brabbia.

I “Gruppi Locali di Conservazione” o più brevemente GLC sono gruppi di volontari, organizzati dalla LIPU, che raccolgano dati di presenza e consistenza numerica degli uccelli nelle aree della Rete Natura 2000 monitorando anche le minacce a cui questi ambienti naturali sono sottoposti.
Da alcuni anni un GLC svolge regolarmente censimenti sul Lago di Varese e in Palude Brabbia. Nell’ambito del progetto LIFE TIB è stato organizzato un corso di formazione per 10 nuovi volontari (7 e 11 ottobre 2012).  Dalla teoria alla pratica: i nostri esperti hanno dapprima fornito le nozioni di base necessarie per intraprendere questa attività e, successivamente, accompagnato gli aspiranti volontari sul Lago di Varese a bordo della “Stramba”, la barca che da poco è stata attrezzata con un nuovissimo motore elettrico grazie al progetto LIFE TIB.
Chi volesse partecipare ai prossimi corsi di formazione può scrivere a federica.luoni@lipu.it

 
21 giugno 2012 - CENSIMENTO ANFIBI

censimento anfibiVARESE, CULLA DI BIODIVERSITÀ PER GLI ANFIBI DELLA PIANURA PADANA
Lo rivela il censimento commissionato dal Progetto LIFE TIB che ha riscontrato numerosi esemplari di diverse specie, tra cui la rana di lataste, presente solo in Pianura Padana. Ora via ai lavori per la realizzazione di zone umide e sottopassi


Anche le rane del varesotto hanno avuto il loro censimento. Pochi giorni fa, infatti, si sono conclusi i primi monitoraggi di anfibi e delle relative aree di riproduzione presenti nei due corridoi ecologici che collegano il nord e il sud della nostra provincia. Si tratta dell’area coinvolta nel progetto “LIFE TIB – Trans Insubria Bionet” partito lo scorso ottobre con il supporto di Provincia di Varese, Regione Lombardia, LIPU-BirdLife Italia, Fondazione Cariplo, trentacinque Comuni del Varesotto e i Parchi Campo dei Fiori e Ticino proprio allo scopo di conservare e migliorare la qualità ambientale del territorio interessato, salvaguardando la mobilità di specie animali e vegetali e, di conseguenza, la biodiversità.

Leggi tutto

 
12 giugno 2012 - LAGO DI VARESE

FarfallaL’AIRONE ROSSO TORNA A NIDIFICARE SUL LAGO DI VARESE
I più fortunati potranno avvistarlo nelle visite naturalistiche organizzate da LIPU per conto della Provincia di Varese a bordo della “Stramba”, spinta da un nuovo e silenzioso motore elettrico


Fedele al ritorno del bel tempo, dopo un lungo viaggio iniziato nell’Africa subsahariana, da qualche settimana l’airone rosso è tornato sulle sponde del Lago di Varese. Lo annuncia la LIPU-BirdLife Italia che proprio lo scorso anno aveva individuato per la prima volta un insediamento – ovvero, in termine tecnico, una garzaia – di cinque o sei coppie della rara specie migratoria nei canneti di Calcinate, nei pressi della pista del volo a vela.

Leggi tutto

 
1 giugno 2012 - PUBBLICAZIONI

lago maggioreLE RETI SALVANO LA NATURA
Le infrastrutture utili all’uomo possono rappresentare un pericolo per la sopravvivenza di molte specie. Le soluzioni e le proposte presentate al convegno di Varese


Tra le idee più promettenti per cambiare in meglio il futuro della biodiversità, un posto di primo piano spetta alle reti ecologiche. L’idea non è nuova e la sua origine può essere fatta risalire alla “Teoria della biogeografia Insulare” che, negli anni Sessanta, vide la luce grazie a due ecologi americani di fama mondiale, Robert MacArthur e Edward Wilson. I due osservarono che la ricchezza di specie delle isole andava diminuendo in modo proporzionale al diminuire dell’estensione delle isole e all’aumentare della loro distanza dal continente.

Leggi tutto

29 marzo 2012 - CONVEGNO SULLE RETI ECOLOGICHE

FarfallaAMBIENTE, CONVEGNO A VARESE “VIVE SOLO CHI SI MUOVE”.
COME LE CONNESSIONI ECOLOGICHE SALVANO LA BIODIVERSITA’

Esperti e rappresentanti delle istituzioni locali, nazionali ed europee si incontreranno il 29 marzo 2012 a Ville Ponti: quali soluzioni per fermare la frammentazione delle aree naturali?


Varese – Strade, autostrade, ferrovie, ma anche urbanizzazione selvaggia e consumo di suolo. Tutti fattori che portano alla frammentazione delle aree naturali, una delle principali cause della perdita di biodiversità. Per capire quali soluzioni possono essere messe a disposizione di esperti e pubblici amministratori per restituire alle specie la possibilità di sopravvivere spostandosi più agevolmente sul territorio arriva il convegno “Vive solo chi si muove”, in programma giovedì 29 marzo a Varese alla Sala Napoleonica di Ville Ponti e organizzato da Provincia di Varese, Regione Lombardia, Fondazione Cariplo e LIPU-BirdLife Italia con il patrocinio dell’Ordine degli architetti di Varese.

Leggi tutto

 
30 settembre 2011 - CONFERENZA STAMPA AVVIO PROGETTO

CONFERENZAARRIVA “TIB": UNA CORSIA PREFERENZIALE PER GLI ANIMALI
La Provincia di Varese è capofila del Trans Insubria Bionet, un progetto per la salvaguardia della biodiversità unico in Italia e fondamentale per le connessioni ecologiche tra Alpi e Appennini


Corre a ovest e a est del lago di Varese. E’ “TIB – Trans Insubria Bionet”, un progetto di tutela della biodiversità unico in Italia, sia per la portata e i contenuti innovativi, sia per il valore strategico. L’obiettivo è la salvaguardia di due corridoi che, attraversando la provincia di Varese da nord a sud, collegano il Parco Campo dei Fiori al Parco del Ticino proteggendone le fondamentali connessioni ecologiche.

Leggi tutto

 

TORNA SU

redazione e realizzazione web: Marco Tessaro